RejsRejsRejs » Destinazioni » Australia e Oceania » Nuova Zelanda » North Island, Nuova Zelanda: nel miglior paese di viaggio del mondo
Nuova Zelanda

North Island, Nuova Zelanda: nel miglior paese di viaggio del mondo

Nuova Zelanda - fiume - montagne
La Nuova Zelanda è considerata da molti il ​​miglior paese di viaggio del mondo. Anche Jakob Linaa lo aveva sentito, ed ecco il suo diario di viaggio dalle bellissime isole dall'altra parte della terra.
striscione in resina

North Island, Nuova Zelanda: nel miglior paese di viaggio del mondo è scritto da Jakob Linaa Jensen

bandiera dell'UE
Nuova Zelanda - montagne e acqua - viaggi

Perché l'Isola del Nord?

Per molti anni ho sognato di venire a Nuova Zelanda. Molti l'hanno definita la migliore destinazione di viaggio del mondo e la combinazione di civiltà europea e natura aliena sembrava allettante.

Nell'inverno 2017-18, ho completato il viaggio con una successiva scivolata silenziohavet insieme al mio ragazzo. Si sono trasformate in due settimane e mezzo nell'Isola del Nord e in tre settimane nell'Isola del Sud. Questa è la storia.

La maggior parte delle persone consiglia di dedicarci la maggior parte del tempo L'isola del sud. Lo feci anche allora, ma l'Isola del Nord era sorprendentemente interessante.

La cosa peggiore riguardo Nuova Zelanda è il lungo volo. Anche con la migliore connessione, ci vogliono 26 ore, quindi mi infortunio quando, arrivata a tarda notte, mi sveglio in un B&B privato vicino all'aeroporto di Auckland.

In una SsangYong rossa, esco da Auckland a mezzogiorno e percorro l'autostrada 1. Lo è affabilee le persone guidano in modo molto civile. Giro in Hovedvej 2 e presto mi trovo in un terreno agricolo collinare con pastorizia e piccole fattorie accoglienti.

La strada diventa più stretta e le colline intorno più alte mentre guido verso il basso e nella gola di Karangahake; una bella valle fluviale dove il fiume ha scavato nella roccia.

Mi fermo a Waikino, che nel suo periodo di massimo splendore come città mineraria di quarzo e oro ospitava 700 abitanti, aveva due scuole e una città completamente attrezzata. Oggi è in rovina, ma le vecchie installazioni sono in parte lasciate indietro e la vecchia ferrovia attraverso la scogliera è ora una pista ciclabile. È una bella passeggiata sui ponti sospesi, ma fa caldo e sono stanco dopo il viaggio, quindi non cammino tutto.

Più avanti lungo la strada trovo Owharoa Falls, che è una piccola ma bella cascata dove le persone si bagnano nell'acqua limpida. La strada è ancora piuttosto tortuosa mentre guido verso la costa e il Monte Maunganui.

Qui è ovviamente la serata go-to-town anche il martedì e c'è un'atmosfera di surf e spiaggia. La gente entra quasi in costume da bagno e l'atmosfera è rilassata.

Mount Brewing è una birreria con birre locali, e già qui ricevo un avvertimento sulle fantastiche birre che attendono l'intero viaggio sia nell'Isola del Sud che in quella del Nord.

Mi siedo nella calda serata con vista sulla strada e mi piace stare lontano dal freddo inverno danese. Un musicista suona dal vivo i classici del rock, e lo fa magnificamente.

Mi sento a mio agio in questo paese.

Nuova Zelanda - Waiohine Gorge - bridge North Island travel

Su un sottosuolo traballante e fumante sull'Isola del Nord

Il giorno successivo si scende a Rotorua, nota come uno dei punti salienti dell'Isola del Nord per le sue sorgenti termali.

Lungo la strada passa Te Puke, che si dichiara la "capitale del kiwi" del mondo: qui niente è troppo grande o troppo piccolo. A Okore Falls, un insieme di belle cascate attraverso la foresta pluviale, comincia a puzzare di zolfo; segno che mi sto avvicinando a Rotorua. Il paese e il lago sono già visibili da quassù.

Faccio il check-in allo Spa Lodge, un luogo malconcio per viaggiatori con zaino e sacco a pelo in mezzo alla strada principale, ma con un cortile accogliente. La stanza odora di vecchi tappeti e molto uso di tipi diversi. La città si caratterizza per essere una tipica città di coloni con case basse e senza molto stile. Tuttavia, è bello lungo il lago dove vedo le prime piscine gorgoglianti e fumanti.

L'intera città poggia su un sottosuolo vulcanico e, anche nel mezzo di giardini privati, spesso si innalzano colonne di vapore. Vado alla foresta di Whakarewarewa, famosa per i suoi pini di sequoia.

È stata fatta una "passeggiata in cima agli alberi" tra gli alberi giganti, e io non lo sopporto. È una bella passeggiata lassù lungo ponti sospesi e con molte lavagne che spiegano ogni sorta di cose sugli alberi che non conoscevo.

Un artista locale ha realizzato lampade con materiali sostenibili che sono appesi agli alberi e si illuminano di notte. Sono praticamente l'unico lassù e mi sto prendendo il mio tempo. Giù al livello del suolo è una foresta molto varia e naturale con molte felci e piccoli ruscelli.

In tarda serata arriva il mio buon amico Karl e ora stiamo trascorrendo i prossimi giorni insieme. La prima tappa è Wai-O-Puto Thermal Wonderland, un paesaggio mozzafiato con un inconfondibile odore di zolfo. Qui ci sono buche per fumare, crateri dove il paesaggio è crollato sotto la pressione dell'acqua e del vapore e pozze di fango ribollenti.

L'attrazione principale è la Champagne Pool al centro, la cui acqua in eccesso scorre sulle superfici circostanti. Il paesaggio è un'orgia di sfumature di giallo, marrone, verde e azzurro dell'acqua. Sono i vari composti chimici che danno il colore.

Il giallo è ovviamente lo zolfo, il verde è il manganese, il rosso è il ferro, ecc. È davvero una tavolozza di colori che è in gioco qui, e in molti dei laghi ci sono anche depositi di sale sul bordo. Sembra invitante, ma non dovresti fare il bagno. L'acqua è calda fino a 90 gradi qui.

La prossima fermata è Te Puie. Ci sono più pozzanghere di fango qui, ma non così tanti colori.

L'attrazione principale sono i due geyser che si dice eruttino più volte all'ora, ma ora sembrano eruttare tutto il tempo. C'è movimento in esso e ti bagni se ti avvicini.

Nuova Zelanda - vigneto - paesaggio

Vino, vino, vino nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda

Abbiamo preso in considerazione diversi percorsi verso sud, ma decidiamo di fare una passeggiata attraverso la foresta pluviale a Te Urewera e non ce ne pentiremo, anche se è una lunga camminata.

La corsa inizialmente attraversa terreni agricoli, ma presto inizia il divertimento.

Qui ci sono svolte selvagge e va su e giù attraverso la bella foresta pluviale con fiumi, cascate e soprattutto alberi selvaggi. Gli splendidi paesaggi qui sull'Isola del Nord continuano fino alla città di Hastings, che insieme a Napier forma una delle regioni vinicole più famose della Nuova Zelanda, Hawkes Bay.

La prima tappa è molto appropriata, un birrificio e una cantina combinati. Abbey Winery è una bellissima vecchia chiesa ricostruita con un microbirrificio accanto. Qui è incantevole estate circondato da vigneti e luppoli. Qui è accogliente e la gente del posto è in giro in bicicletta o ad una festa di addio al celibato e pranza qui.

La notte successiva passiamo la notte a Napier, proprio accanto all'acqua. Ci fu un enorme terremoto nel 1931, dove la maggior parte della città fu distrutta. Il centro cittadino è stato poi ricostruito art deco - lo stile del tempo - e questo significa che Napier, insieme a Miami Beach, è la principale capitale mondiale dell'art déco. La città ospita anche l'Acquario Nazionale della Nuova Zelanda, che ospita pinguini blu, un tunnel oceanico con squali e razze e ottimi pesci tropicali.

Fuori Napier c'è Gimblett Gravels, che è diventata una regione vinicola molto famosa negli ultimi anni. L'area fu gravemente colpita dal terremoto del 1931, dove tutto il paesaggio si spostò e molto terreno fu rivoltato. I fiumi hanno cambiato corso, così che la zona migliore con il suolo molto minerale si trova tra due torrenti riparata da un grande crinale.

Solo 40 anni fa non c'erano vigneti qui, ma da allora è andato forte e c'è una spaccatura intorno alla terra. Ogni cantina ha molti piccoli campi diversi, proprio come nelle grandi aree della Francia, dove condividi i migliori campi Grand Cru.

Visitiamo il luogo più antico e famoso, Mission Estate, che è la più antica azienda vinicola della Nuova Zelanda ed è stata fondata dai monaci nel 1851. È un luogo classico con vecchi salotti con pannelli di quercia e oggetti d'antiquariato squisiti.

Anche il vino non manca di nulla e il servizio è formale e impeccabile. Qui è bello e un'atmosfera del mondo di ieri, come l'ho ritrovata anche sui vigneti cileni.

È ora che Karl torni a casa al freddo dopo alcuni bei giorni insieme. Guido verso sud attraverso Norsewood, un'antica città di coloni norvegesi che coltiva il suo passato nordico con chiese a doghe, laboratori e in generale un culto del nordico. Qui è accogliente e tranquillo e solo poche persone anziane in tour.

Più a sud, è meno interessante nella presunta città danese di Dannevirke, che ha solo un mulino danese sulla strada principale e un cartello con una copia di Harald Bluetooth, a testimonianza di una possibile connessione danese. La città stessa è ridotta in schiavitù; una lunga strada principale circondata da strade residenziali e proseguo veloce.

La mia prossima tappa è Martinborough, una famosa piccola regione vinicola. Sto al Margrain Vineyard Estate. Posso assaggiare i loro vini e visitare altri due posti, Ata Rangi e Luna Estate.

Torno a casa tra i vigneti in una bella sera d'estate con profumi e aria calda e mi godo un drink leggermente ubriaco a casa nella stanza molto bella, la più bella di tutto il viaggio.

È bello qui tra il nero cielo stellato del sud e i vigneti.

Nuova Zelanda Wellington North Island travel

Wellington - una delle capitali più amichevoli del mondo

La mattina dopo guido verso il faro di Cape Palliser, sulla costa sud-orientale dell'Isola del Nord.

È uno dei migliori percorsi dell'intero viaggio attraverso campi e bordi di fossati in fiore con fiori gialli dal profumo agrodolce che amo, che mi ricorda i campi di colza danese e i fiori di campo.

Il faro stesso è raggiungibile tramite una ripida scalinata, e qui c'è una bella vista. Un faro a strisce rosse e bianche molto classico che mi ricorda havets avventure, naufragi e pirati, anche se è una giornata tranquilla ed estiva.

Wellington è magnificamente situata sulla punta meridionale dell'Isola del Nord e risulta essere una città accogliente, splendidamente situata vicino all'acqua e con belle strade e musei interessanti oltre a un bellissimo giardino botanico.

La città offre anche ottimi microbirrifici. Fork and Brewer ha le migliori birre in movimento con un bar sul tetto proprio nel centro cittadino.

Garage Project si trova in una stazione di servizio in disuso, dove le simpatiche ragazze hippie mi fanno assaggiare tutta la birra. Poi va verso la loro taverna dove bevo quelli che non ho assaggiato. Qui mi imbatto in un'affascinante coppia kiwi-irlandese. Ci regaliamo tanti giri di birre più o meno strane. La serata più bella del viaggio, ma risulta comunque che il giorno successivo sia un po 'scomodo ...

Il giorno dopo, uscendo da Wellington, vedo il Monte Victoria con i bei giardini botanici, dopodiché sono in Parlamento per partecipare a un piccolo dibattito; devi essere un fanatico della politica...

Sulla costa, trascorro la notte in uno sgangherato hotel sul mare, il Barnacles Seaside Inn, che doveva essere stato lussuoso negli anni Trenta. Ma qui è accogliente ed economico.

Hotel Skt. Anna stendardo
Nuova Zelanda Tongariro North Island travel

Monte Fato - nel mezzo dell'Isola del Nord

Va dalla costa sud-occidentale nel paese. Prendo la Wanganui River Track, che è una lunga strada sterrata che risale un bel fiume. La destinazione di oggi è Tongariro con splendidi paesaggi alpini e vedute del vulcano spento che è anche diventato noto come "Monte Fato" nei film de Il Signore degli Anelli.

Alloggerò allo Skotel Alpine Lodge, un hotel uscito dalle Alpi. Il giorno dopo è tempo di fare un po 'di trekking, ma per una volta in questo viaggio il tempo è brutto. Sia il Monte Fato che le altre montagne sono avvolte dalle nuvole.

Il momento clou successivo è la cosiddetta Forgotten World Highway con bellissime gole, foresta pluviale e strade selvagge. C'è poco terreno agricolo, ma per il resto ci sono verdi infinite, colline curve, crinali, cosiddette 'selle', dove la strada si snoda in infiniti e alla fine anche insopportabili tornanti. Non è una corsa veloce, ma è bellissima.

Faccio tappa a Whangamomona, dove a un certo punto la gente del posto ha proclamato la città una repubblica indipendente indipendente dalla Nuova Zelanda. È nel famoso e famigerato hotel della città che il movimento per l'indipendenza ha il suo quartier generale, e la gente del posto dietro al bar apparentemente lo prende sul serio.

Come gli Stati Uniti, la Nuova Zelanda è piena di eccentrici. La Repubblica ha anche un proprio ufficio postale e un negozio di souvenir, che però sembra chiuso. L'officina ha commenti satirici e profondamente socialmente critici dipinti su tutta la facciata.

Sono di nuovo sulla costa quando raggiungo New Plymouth qui nell'Isola del Nord.

Qui, un punto culminante è il vulcano Taranaki e il Parco Nazionale di Egmont. Faccio una bella passeggiata fino a un altopiano con vista su Taranaki, che si erge con la sua cima innevata completamente senza nuvole.

Ecco un bellissimo memoriale e una moltitudine di fiori con profumi speziati e dolci. Qui ci sono felci di tutte le forme e bellissimi fiori. Sono avvolto dall'essenza dell'estate, mi addentro in profondi pensieri meditativi e mi godo il momento, mi diverto a stare in mezzo al mondo, mi diverto a stare.

È meraviglioso.

Nuova zelanda - lucciole - grotte

Grotte e lucciole

Segue poi un altro di quei viaggi che, secondo la Lonely Planet, è semi noioso, ma sarà uno dei viaggi più belli con gole selvagge, panorami di havet e profumi estivi. Mi fermo ancora e ancora davanti a fiumi impetuosi, panorami meravigliosi e felci giganti. E va avanti e avanti.

Dopo le otto raggiungo Kiwi Paka a Waitomo. In realtà è chiuso, ma una dolce ragazza che è il manager mi ha fatto il check-in e mi è stata assegnata la mia stanza.

Il giorno dopo comincio con quello a cui arriviamo io e tutti gli altri Waitomo per, vale a dire le famose Glowworm Caves. Puoi vedere le grotte e i piccoli animali luminosi solo durante una visita guidata, dove navighi nelle grotte, quindi non c'è modo di aggirarlo.

Il prezzo è caro.

Vedo un bel piccolo museo sulle lucciole che non sono un verme, ma piuttosto una specie di larva che cresce in caverne buie e umide e attira piccoli animali in un filo che pende dall'animale stesso. È una vita triste e breve essere una lucciola: non appena si schiude, si moltiplica e si muore in un giorno. Nuove uova vengono deposte e lo spettacolo può ricominciare tutto da capo.

C'è ingresso attraverso un enorme atrio. Questa è chiaramente una delle principali attrazioni turistiche della Nuova Zelanda. Camminiamo nelle grotte, che sono basate su stalattiti, e vediamo bellissime formazioni e sentiamo il freddo e l'umidità. Vediamo anche le prime lucciole sotto una sporgenza rocciosa. 

Ci sono molti gruppi di turisti quaggiù, ma alla fine sarà il nostro turno. In una piccola barca, dove una guida Maori ci tira in avanti tramite un ingegnoso sistema di corde, navighiamo intorno alla grotta, silenziosamente e nell'oscurità. Ci sono molte lucciole luminose che fanno sembrare la grotta il cielo stellato del sud che caratterizza le notti fuori.

Ci sono molte altre belle attrazioni in questo paesaggio calcareo. Natural Bridge è un ponte naturale. In realtà era una grotta, ma molti dei soffitti sono crollati e ora è rimasto solo un arco naturale, tra due lati rocciosi di arenaria. Qui c'è una bellissima foresta pluviale e un'orgia di felci verdi.

La tappa successiva è la grotta di Piripiri, una grotta leggermente più piccola con stalattiti, e poi altre cascate.

È un lungo viaggio fino a Kawhia, che è un piccolo villaggio di pescatori con un bel molo. Prendo carburante e guido verso la rocciosa cittadina di surfisti di Raglan, dove arrivo pesce e patatine su un molo.

Anche qui avrei potuto restare, ma ho scelto di avvicinarmi all'aeroporto e finire a Drury con una bella famiglia. Una coppia danese vive qui e parlo con i loro inquilini tedeschi, che vanno mano nella mano mentre ricostruiscono i loro camper.

Dormo in una graziosa baracca con il suo bagno e letto con coperta di pelle di agnello. Sogno il giorno successivo, che è l'ultimo giorno nell'Isola del Nord, e il prossimo viaggio L'isola del sud.

Potrebbero esserci collegamenti a partner commerciali in questo articolo: puoi vedere come va qui Hotel Skt. Anna stendardo

Circa l'autore

Jakob Linaa Jensen

Oltre al mio lavoro come responsabile della ricerca sui social media presso la Danish School of Media and Journalism, il viaggio è il mio interesse principale per i viaggi. Sono stato in 102 paesi in 7 continenti e sogno sempre posti nuovi. Sono il vicepresidente del Club dei viaggiatori, di cui sono membro da 11 anni e ho incontrato alcuni dei miei migliori amici.

Probabilmente ho pensato alla vita più della maggior parte degli altri, il che mi ha fatto fare delle scelte molto consapevoli. Ad esempio, ho scelto i bambini per dedicarmi alla carriera, ai viaggi e al godimento della vita. Adoro discutere di tutto ciò che c'è tra cielo e terra con altre persone adorabili, molto simile al buon cibo con bevande adeguate.

Il mio blog: Linaa.net

1 commento

Commenta qui

  • Ciao!
    Mentre scrivi, la Nuova Zelanda e l'Isola del Nord sono semplicemente incredibilmente belle lived Abbiamo vissuto non lontano da Waitomo con la mia famiglia e abbiamo anche avuto il piacere di vedere le lucciole, che abbiamo pensato fossero assolutamente incredibili e un'esperienza molto speciale. Speriamo un giorno di poter tornare in Nuova Zelanda in modo da poter esplorare anche un po 'dell'Isola del Sud 🙂

Notiziario

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.

Ispirazione

Offerte di viaggio

Facebook copertina foto offerte di viaggio viaggi

Ottieni i migliori consigli di viaggio qui

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.