RejsRejsRejs » Destinazioni » Europa » Montenegro » Albania e Montenegro: un'esperienza selvaggia
Montenegro

Albania e Montenegro: un'esperienza selvaggia

Il Montenegro conserva una meravigliosa bellezza e tristi resti del suo passato, dove la città, precedentemente chiamata Titograd, è ora la capitale di uno dei paesi più nuovi d'Europa.
striscione in resina

Albania e Montenegro: un'esperienza selvaggia è scritto da Giacobbe Gowland Jørgensen.

bandiera dell'UE
Montenegro - podgorica - viaggi

I prezzi più bassi d'Europa in Albania

Sembra che il vecchio taxi Mercedes abbia le ali, perché stiamo volando via e la polvere si sta alzando intorno a noi. Tuttavia, il tachimetro mostra solo 80 km / h, quindi forse è solo la strada di campagna piena di buche che sta peggiorando sempre di più qui sulla strada dalla bella città albanese settentrionale di Scutari alla capitale del Montenegro, Podgorica, appena oltre il confine.

Ripenso al tempo in cui potevo ridere, cantare, mangiare e vivere l'Albania insieme ad altri 25-30 membri del De Berejstes Klub, e quando il Montenegro era appena diventato il nuovo paese d'Europa.

Tirana in Albania è stata una rivelazione di viaggio.

La città, che sembrava quasi un locum bombardato in un parco divertimenti stalinista, si sta ritrovando ed è diventata colorata, aperta e vibrante. Ampi marciapiedi, platani e vita da caffè con vista sulle montagne. Bei vecchi con cappelli ad angolo, belle giovani donne e mogli sdentate.

In combinazione con quelli che devono essere i prezzi più bassi d'Europa per cibo delizioso e birra fresca, non è stato difficile mantenere alto l'umore nel paese ufficialmente più povero e non religioso d'Europa. Il 70% dice di non essere religioso, "quindi dal comunismo è uscito qualcosa di buono", come ha detto sorridendo il grasso dell'ostello mentre grigliava braciole di maiale e beveva birra nel cortile del Tirana Backpacker Hostel.


La grande flessione

Ora stavo andando a nord perché avevo ottenuto una partenza più economica via Montenegro, e poi anch'io ho potuto fare una foto di civiltà prima di tornare a casa. Ho pensato. Stranamente, non c'erano autobus che circolavano su questa rotta, solo dappertutto. Perché nessuno va nella capitale di questo paese?

C'era un ostello nella capitale Podgorica e lì avevo prenotato la loro unica stanza per 20 dollari. La città assomigliava immediatamente a un sobborgo di una città che non c'era, e l'edificio in cui si trovava lo Steves Hostel è uno dei più degni di essere demoliti che abbia visto da molto tempo. Il cemento ammuffito e crepato e l'odore di qualcosa di chimico indefinibile.

"Mi chiedo che odore abbia l'amianto", ho pensato, entrando dalla vecchia porta solo per sentirmi dire che allora non avevano riservato nulla, perché le prenotazioni non avevano alcun controllo. Suk. Doppio sospiro, perché questa città era nota per le tariffe delle camere alte.

Tuttavia, sono stato aiutato fino all'ufficio turistico, che abbiamo trovato insieme dopo mezz'ora. In un impeto di mostruosa stanchezza e impotenza, ho utilizzato la carta VISA a una quantità eccessiva. "C'è un congresso delle Nazioni Unite in città, quindi non ci sono così tante stanze", come ha detto la dolce signora.

La capitale del Montenegro era grande tour de delusione. Il centro della città sembrava l'Unione Sovietica in una brutta giornata nell'82 con molti nomi di strade scritti in lettere russe… Tra cui, ovviamente, la "Via della Rivoluzione d'Ottobre" e lo "Stretto di Mosca".

Le case erano appese al laser grigio e ovunque c'erano graffiti, immondizia e buchi. Gli angoli della bocca penzolavano sulla maggior parte delle persone che servivano gli altri, ad esempio, la signora della colazione all'hotel era aceto.

Gli abiti eleganti delle donne albanesi erano qui un po 'troppo spesso sostituiti con abiti Bilka, che, come ciliegina sulla torta, avrebbero potuto essere sollevati così in alto nell'inguine che si poteva vedere una donna incinta che si sorrideva. Uno spettacolo ragionevolmente brutto.

Ebbene, ho deciso di trarne il meglio e ho fatto un giro per la città, dove il tema della mia fotografia era "Downturn", e poi la città è diventata improvvisamente un paradiso. Un po 'montenegrino, ma comunque divertente.

Fortunatamente, da allora sono successe molte cose buone in città, ma allora non valeva molto.

Cattaro - montenegro - città costiera

La bellissima costa del Montenegro

Il giorno dopo ho preso l'autobus in pieno sole verso la bellissima, bellissima costa che con le sue montagne morbide e le valli aguzze regala associazioni alla Norvegia. Qui il Montenegro ha dato il meglio di sé.

Le montagne, che in effetti sembravano scure da lontano, hanno dato il nome e l'identità al paese: la terra delle montagne nere. Vecchie fortificazioni giacevano sulle cime delle scogliere e mostravano la strada verso la luce intensa havet e le numerose belle città costiere.

Al centro c'era la città UNESCO di Kotor, il cui centro storico è stato completamente restaurato. Il cancello nelle mura del castello conduceva in un piccolo gioiello di città, dove i ciottoli lisci e le strade tortuose davano l'impressione di Harry Potter in viaggio a Middelhavet.

La chiesa ha proclamato che quest'anno ha compiuto il suo 1200 ° anniversario e sopra di essa si trovano antichi resti di un castello che si affacciano sul fiordo più profondo dell'Europa meridionale. C'era, ovviamente, un trambusto, anche qui nel mese di settembre, perché il Montenegro attira molti turisti sulle sue coste. C'erano molti montenegrini di persone felici in vacanza.

Le mura del castello di Cattaro che si affacciano sul fiordo sono impressionantiA Kotor, ho anche visto per la prima volta la bandiera del paese con orgoglio su un edificio. Mi aspettavo un segno più chiaro dell'indipendenza relativamente ritrovata, ma forse il nazionalismo nella regione, dopotutto, ha tratto qualche lezione durante il percorso dopo le atrocità delle guerre balcaniche.

Il pranzo è stato preso in un ottimo ristorante italiano in piazza, e la luce e le impressioni si sono sedute così in profondità dentro di me che persino Podgorica si trovava in una luce leggermente più grigio chiaro quando sono tornato in città.

Sulla via del ritorno a casa sull'aereo che domina desolate zone montuose, Montenegro Airlines ha annunciato di aver appena aperto una rotta estiva per Copenaghen da Tivat, che si trova sulla costa. Probabilmente è una mossa molto saggia usare questo aeroporto invece di quello della capitale, se vuoi che le persone tornino nel piccolo paese con le grandi vedute.

Buon viaggio in Albania e Montenegro Balcanico!

Potrebbero esserci collegamenti a partner commerciali in questo articolo: puoi vedere come va qui Hotel Skt. Anna stendardo

Circa l'autore

Giacobbe Jørgensen, editore

Jacob è un allegro fanatico dei viaggi che ha viaggiato in più di 100 paesi dal Ruanda e Romania a Samoa e Samsø.

Jacob è membro del De Berejstes Klub, di cui è membro del consiglio da cinque anni, e ha una vasta esperienza nel mondo dei viaggi come docente, redattore di riviste, consulente, scrittore e fotografo. E, naturalmente, la cosa più importante: come viaggiatore. A Jacob piacciono sia i viaggi tradizionali, come una vacanza in macchina in Norvegia, una crociera nei Caraibi e un soggiorno a Vilnius, sia i viaggi più fuori dagli schemi, come un viaggio in solitaria sugli altopiani dell'Etiopia, un road trip in parchi nazionali sconosciuti in Argentina e un viaggio di amici in Iran.

Jacob è un esperto di paesi in Argentina, dove è stato 10 volte finora. Ha trascorso quasi un anno in totale viaggiando attraverso le numerose e diverse province, dalla terra dei pinguini nel sud ai deserti, montagne e cascate nel nord, e ha anche vissuto a Buenos Aires per alcuni mesi. Inoltre, ha una conoscenza speciale dei viaggi di luoghi così diversi come l'Africa orientale, Malta e i paesi intorno all'Argentina.

Oltre a viaggiare, Jacob è un onorevole giocatore di badminton, fan del Malbec e sempre pronto per un gioco da tavolo. Jacob ha anche avuto una carriera nel settore delle comunicazioni per diversi anni, più recentemente con il titolo di Communication Lead in una delle più grandi aziende danesi, e ha anche lavorato per diversi anni con il settore dei meeting danese e internazionale come consulente, ad es. per VisitDenmark e Meeting Professionals International (MPI). Oggi Jacob è anche docente senior presso la CBS.

Aggiungi un commento

Commenta qui

Notiziario

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.

Ispirazione

Offerte di viaggio

Facebook copertina foto offerte di viaggio viaggi

Ottieni i migliori consigli di viaggio qui

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.