RejsRejsRejs » Destinazioni » Europa » Austria » Bad Gastein: sciare nel rifugio dell'aristocrazia
Austria

Bad Gastein: sciare nel rifugio dell'aristocrazia

Austria - Bad Gastein, Flying Waters - viaggio
Bad Gastein è il luogo perfetto per chi vuole sciare e godersi la vita con stile. Divertiti!
striscione in resina

Bad Gastein: sciare nel rifugio dell'aristocrazia è scritto da Pietro Christiansen.
Le foto sono di Gastein Tourismus, Max Steinbauer, Christof Oberschneider e Konny Christiansen.

bandiera dell'UE

Bad Gastein – Sci e divertimento in prima classe

L'austriaca Bad Gastein fiorì nella seconda metà del XIX secolo, quando l'aristocrazia europea e la ricca borghesia si recavano in vacanza termale negli splendidi dintorni. 1800 anni dopo vi si trasferirono gli sciatori, ma l'ambiente alla moda è ancora intatto e lo sci è di prima classe.

La mattinata ha offerto tre piste nere, un unico incidente e un'atmosfera après-ski anticipata in un paio di bar del terreno. Ma nel momento in cui apro la massiccia porta di legno della hall dell'hotel, entro in un'oasi di tranquillità. Grandi lampadari di cristallo pendono dal soffitto, le finestre sono parzialmente coperte da ricche tende di velluto e una tranquilla musica di sottofondo riempie la stanza.

Nella lounge, una coppia di anziani siede e parla tranquillamente davanti a un bicchiere di spumante, mentre il personale – dall'addetto alla reception al fattorino – indossa uniformi abbinate. Ordino da bere, vengo condotto davanti al camino dove scoppietta il fuoco e mi sento ospite in un albergo alla moda del secolo scorso.

La Montecarlo delle Alpi

La tradizionale vacanza invernale in Austria solitamente associato a tante piste ben preparate, festosi e rumorosi après-ski e accoglienti baite in legno, dove le cameriere dirndgli abiti servono Kaiserschmarrn og tè del cacciatore.

Ma nella zona di Gastein si vive un'Austria diversa; un'Austria caratterizzata da palazzi 'belle epoque', terme e ristoranti gourmet, a tal punto che la città principale, Bad Gastein, è definita la Monte Carlo delle Alpi.

Naturalmente potete anche prendere il vostro 'kaiserschmarrn', e sia le piste che l'après ski mantengono uno standard elevato, ma l'atmosfera a Bad Gastein trasuda stile ed eleganza. Non è qui che si trovano piccole fattorie strette tra alberghi e bar, e non è nemmeno qui che i trattori si mescolano al resto del traffico cittadino.

Hotel Skt. Anna stendardo

Piccolo Tibet

Prendo l'ascensore fino alla cima della montagna Hohe Scharte e salto giù. All’orizzonte si stagliano innumerevoli cime frastagliate e innevate, davanti a me aspettano otto chilometri di piste e molto sotto di me – precisamente a 1.461 metri di altitudine più in basso – si trova la stazione a valle di Bad Hofgastein.

In cima, ben oltre i due chilometri, la pista è ben al di sopra del limite degli alberi, quindi la neve è buona, la vista indisturbata e mi godo le prime curve. Più in basso la pista diventa più ampia, tanto da condurre a grandi curve carving, e sotto il limite degli alberi guido attraverso un bellissimo pezzo di bosco.

Oltrepasso una piccola baita di legno dove gli sciatori si siedono sulla terrazza con vino bianco freddo, e proprio in fondo, dove entro a Bad Hofgastein, compaiono hotel, bar e ristoranti. Gli otto chilometri hanno offerto di tutto, dallo sci in un paesaggio roccioso e nudo alla gita nell'area après-ski della valle.

E potete addirittura iniziare la vostra discesa ancora più in alto che sulla cima della Hohe Scharte, che si trova a 2.300 metri di altitudine. Se andate nella vicina zona di Sportgastein, Kreuzkogel offre piste da sci a 2.686 metri di altitudine, e nelle giornate limpide la vista è così bella che la gente del posto chiama la zona Piccolo Tibet.

In totale troverete quattro aree nel Gasteinerdalen. Non tutto è collegato, ma le zone sono vicine e lo skibus passa frequentemente. L'area contigua più grande copre Bad Gastein e Bad Hofgastein, e qui troverete 84 chilometri di piste e un'altitudine di 2.304 metri sulla già citata Hohe Scharte.

A Sportgastein vi aspettano 26 chilometri di piste in alta quota e con neve sicura, a Graukogel vi aspettano 14 chilometri di piste in pura neve naturale. Infine c'è Dorfgastein, che attira con 73 chilometri di piste e una partenza degli sci poco più di due chilometri.

Per la maggior parte delle persone questo è sufficiente per una settimana di vacanza sulla neve, ma se volete esplorare ulteriormente, la zona è collegata a uno dei comprensori sciistici più grandi del mondo, Ski Amadé, che tenta con 760 chilometri di piste e con uno skipass. hai accesso a tutto.

Se sei pronto per l'ultima avventura sugli sci, puoi volare in elicottero fino alla cima dello Schareck, che è alto più di tre chilometri. Da qui ti aspettano alcuni dei migliori fuoripista dell'Austria.

  • Austria - sci, baita - viaggio
  • Austria - Bad Gastein, snack - viaggio

Gita in slitta, fiaccolata e gastronomia locale di Bad Gastein

A parte un leggero scricchiolio ogni volta che gli scarponi partono nella neve appena caduta, non si sente alcun rumore e ci incamminiamo a passo d'oca lungo un piccolo sentiero nel bosco che porta alla prima tappa del tour, la Himmelwandhütte. L'oscurità è ormai scesa da tempo, quindi la luce delle nostre torce inonda il sentiero e gli alberi più vicini di una luce giallastra. In termini di atmosfera, anche la Disney non sarebbe stata all'altezza.

Siamo un gruppo di circa 10 persone che si sono iscritte ad un tour enogastronomico nella Kötschachtal e quando arriviamo alla Himmelwandhütte ci dirigiamo all'interno. Il padrone di casa ci regala piccole prelibatezze preparate da lui stesso e, mentre si passa la coppa di vin brulè, la conversazione procede allegramente.

Ma la piccola baita di legno è solo la prima tappa del tour, quindi dopo mezz'ora proseguiamo verso l'Alpenhaus Prossau, che si trova più all'interno del Kötschachtal, che fa parte del parco nazionale più grande dell'Austria, Alti Tauri. Con le slitte trainate da cavalli guidiamo dolcemente attraverso la valle, e nei luoghi dove la foresta non è del tutto fitta, intravediamo in alto sopra di noi i pendii delle montagne illuminati dalla luna.

Fa freddo e il gelo ci morde la gola, ma il cocchiere ci ha avvolti in coperte e pelli, affinché ci teniamo al caldo. Dal punto di vista culinario, la serata offre la tradizionale gastronomia austriaca, e il padrone di casa ha trovato vini di produzione locale, che versa nei bicchieri.

Il più grande scandalo vinicolo del paese a metà degli anni '1980, quando alcuni produttori tentarono di addolcire i vini bianchi aggiungendo liquido refrigerante, paradossalmente si rivelò un guadagno a lungo termine per la produzione vinicola austriaca.

Successivamente è stata adottata una delle leggi sul vino più severe al mondo e oggi il vino austriaco è a un livello molto più alto rispetto a 35 anni fa. Mentre alcuni ospiti preferiscono un fresco grüner veltliner, altri si godono un bicchiere di vino rosso zweigelt temperato.

  • Sciatore, Alpi - viaggio
  • Austria - Gastein, montagna, neve, sci - viaggio

Intimo e stimolante

Nei giorni con "Kaiserwetter" può esserci affollato sulle piste larghe ed esposte a sud di Bad Gastein e Bad Hofgastein, ma se si cerca la piccola area di Graukogel, di solito c'è molto spazio.

Di solito le famiglie con bambini e principianti si sistemano su aree piccole e gestibili, ma a Graukogel non è così, perché a parte un'unica pista familiare blu, il resto della rete di piste è rossa e nera. C'è qualcosa old school sopra Graukogel.

Le seggiovie coperte circolano a ritmo controllato e non avete cannoni sparaneve, perché tutto viene preparato con neve naturale. Ma lo sci di certo non manca. Mi siedo per dare un'occhiata alla ex pista di Coppa del Mondo e non passano molti secondi prima che la velocità sia così elevata che devo spigolare gli sci per riprendere il controllo.

La pista è lunga e larga, la vista è fantastica e molti locali hanno Graukogel come il loro piccolo posto segreto preferito.

Banner per crociere Princess

In un hotel di design

Con gli sci in spalla sono partito nel pomeriggio per il mio hotel – Miramonte – a Bad Gastein. Oltrepasso le famose terme della città, Felsentherme, e passo davanti alla grande cascata, che scende da 34 metri tramite tre gradini.

Continuo oltrepassando alcuni dei maestosi hotel e diversi bar, dai quali l'atmosfera après-ski si riversa rumorosamente in strada.

Fu in questo ambiente che l'attore Nicolas Cage arrivò in armatura completa quando recitò in un film sui cavalieri, e fu qui che nel 1987 un gruppo di giovani alzò le chitarre in un bar e iniziò a suonare senza essere invitato. Sono stati subito fermati dal padrone di casa, a cui non piaceva il rumore. Ma non poteva sapere che erano gli U2 ad essere in città per celebrare la registrazione di un nuovo album.

A dieci minuti a piedi dal centro e a poca distanza dalla funivia Graukogel si trova l'Hotel Miramonte, che allo stesso tempo si integra bene, ma si distingue anche. L'hotel a quattro stelle offre tutto il comfort che ci si può aspettare da un soggiorno a Bad Gastein.

La vista è panoramica, il cibo buono e il servizio di prim'ordine. Ma dal punto di vista architettonico l'Hotel Miramonte si differenzia dai classici hotel termali, perché l'edificio bianco di ispirazione funzionalista degli anni '1950 è stato rilevato da un architetto che ha arredato l'edificio come un hotel di design.

Si è svolto sotto l'ispirazione di nomi internazionali e oggi l'hotel è pieno di un mix di arte del mobile d'avanguardia e classica. Scelgo una delle poltrone profonde e morbide e mi sprofondo con un bicchiere di spumante in mano.

Scopri molto di più su come viaggiare in una vacanza sulla neve qui

Tre cose da provare a Bad Gastein

Felsentherme: La zona di Gastein è nota per i suoi numerosi bagni termali, il più noto è Felsentherme, situato nel centro di Bad Gastein. Fate il bagno nell'acqua ricca di minerali e benefica che, con una temperatura di 32 gradi, sgorga dal sottosuolo roccioso.

Felsentherme offre piscine, sauna, bagno turco, spa, massaggi, area separata per bambini, ristorante e piscina all'aperto, dalla quale si gode una vista panoramica ininterrotta sulle montagne.

Il bar di Haeggblom: Se vi manca il contrappunto alle atmosfere classiche, alle dimore, alle terme e ai ristoranti gourmet, potete provare un viaggio a Ba di Haeggblomr. Qui le belle sensazioni vengono smantellate nel momento in cui si varca la soglia, perché il locale è famoso – qualcuno direbbe famigerato – per le sue serate a tema.

Haeggbloms ha già organizzato "Ibiza Party", "Fuck Off Party" e "Pimps and Prostitutes Party", e uno dei cantanti più leggendari del posto è il norvegese Lars Penis, che si spoglia cantando con una bottiglia di Jack Daniels attaccata sopra braccio superiore.

A tutta velocità attraverso la città: I più temerari si divertiranno con un viaggio Acque Volanti. Un filo d'acciaio lungo 300 metri è teso attraverso la valle che divide in due la città, e a 90 metri di altezza vi aspetta uno splendido volo planato in uno scenario che comprende, tra le altre cose, la famosa cascata della città, la edifici storici e le montagne ricoperte di bianco sullo sfondo.

Scopri di più su come viaggiare in Austria tutto l'anno qui

Bad Gastein ha davvero tanto da offrire e la città possiede un fascino indefinibile. Indipendentemente dal fatto che tu venga lo sci, Maden, il benessere o l'atmosfera, Bad Gastein è qualcosa di unico.


Lo sapevi: ecco 7 esperienze gastronomiche trascurate che devi provare in Austria 

7: Gourmet a 3,000 metri di altitudine nel ristorante Ice Q in Tirolo
6: Mangiare formaggio sulla strada del formaggio nel Bregenzerwald vicino al Vorarlberg
Ottieni subito i numeri da 1 a 5 iscrivendoti alla newsletter e guarda nell'e-mail di benvenuto:

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.

Potrebbero esserci collegamenti a partner commerciali in questo articolo: puoi vedere come va qui Hotel Skt. Anna stendardo

Circa l'autore

Pietro Christiansen

Peter Christiansen ha scritto per 25 anni articoli di viaggio per giornali come Politiken, Jyllands Posten e Berlingske. La voglia di viaggiare è stata davvero suscitata durante i viaggi in Giappone, dove Peter è stato più volte per praticare judo. Da allora, ci sono stati molti articoli sulle vacanze attive e Peter ha provato di tutto, dalla maratona a New York all'arrampicata su ghiaccio a Chamonix, al bob a Lillehammer e al bridge climbing a Sydney.
Peter copre una vasta gamma e ha recentemente scritto su argomenti così diversi come l'interrail nei Balcani, la navigazione fluviale in Russia e le vacanze culturali nella Valle della Loira.

Aggiungi un commento

Commenta qui

Notiziario

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.

Ispirazione

Offerte di viaggio

Facebook copertina foto offerte di viaggio viaggi

Ottieni i migliori consigli di viaggio qui

La newsletter viene inviata più volte al mese. Vedi il nostro politica sui dati qui.